sabato 27 febbraio 2016

I giovani di Casa Pound a Gorizia. Tema politico prescelto, la battaglia anti bidello: raccolta firme in via Diaz.



Il Comune ha concesso il permesso al  Blocco studentesco di realizzare, davanti all’Università e al Liceo Sltaper, in via Diaz, un punto di raccolta firme. La battaglia di civismo, in questo caso, riguarda la presenza nei ranghi del personale del Polo Liceale del bidello D’Amato. 

 

 di Martina Luciani

Si, proprio il bidello al centro delle cronache tanto per il suo presunto sangue blu e relativi deliri  quanto per il suoi personali convincimenti (ed evidenti,io temo, gravi frustrazioni)  sul mondo femminile e sulle relazioni tra i sessi.
 Il Blocco Studentesco, emanazione della locale epidemia di Casa Pound, aveva già mostrato i muscoli esponendo due giorni fa uno striscione all’ingresso dello Slataper: “Tuteliamo i nostri studenti, fuori D’Amato dalla scuola”, riferito ovviamente al disgraziato alfiere di concetti discriminatori talmente patetici da essere evidentemente patologici, e come tali dunque meritevoli di attenzione medica piuttosto che mediatica.
Il volantino distribuito a Gorizia
Colpisce come nelle plaghe paludose delle dinamiche cultural-politiche dell’estrema provincia questo tipo di situazioni risvegli la sensibilità della destra fascista  sull’importanza della comunità educante, della lotta alla discriminazione sessista e della violenza che essa produce. E colpisce che tutto ciò costituisca certificato di sdoganamento per gli attivisti di Casa Pound in versione giovanile, consentendone la presenza legalmente avallata anche davanti ad una istituzione scolastica.
 Adesso, che si fa: li ignoriamo, in nome del pluralità del pensiero e dell’opinione politica, o ci attendiamo una interlocuzione politica immediata sull'iniziativa in sè, sulla sua legittimità relativamente ai diritti di D'Amato e sull'autorizzazione data dal Comune, evitando possibilmente che diventi un miserabile accanimento per guadagnare la prima fila sotto i riflettori?
Quel che temo, ancor più che l’istituzionalizzazione progressiva di casa Pound da parte del governo cittadino,  è la pochezza della consapevolezza pubblica: è molto facile ottenere una firma in questa circostanza, non servono particolari tranelli ideologici,  basta far leva su quel che resta dei buoni e deamicisiani sentimenti di mamme papa e parentela in materia di educazione e crescita culturale dei nostri figli e sulla grossolana moralità bifronte che contraddistingue gli ondivaghi giudizi dell’opinione pubblica.
Ore 8.20: apertura del banchetto del Blocco Studentesco



2 commenti:

Marco Barone ha detto...

E dunque nella civilissima ‪#‎Gorizia‬ città medaglia d'oro al valor militare per la guerra di liberazione, cosa che qualcuno dimentica, perché ignorante, l'articolazione studentesca di Casapound, blocco studentesco, è stata "sdoganata" anche da una certa sinistra, sempre più sinistra!. Su Wikipedia, usata come fonte enciclopedica da tanti si legge su blocco studentesco:" è un'associazione studentesca italiana di ispirazione fascista". Dunque in questa città viene negata dalla Provincia una sala ad antifascisti, storici, ricercatori, nel giorno del ricordo, perché è stato detto in modo infamante e denigratorio, che sarebbe stato come concederla, la sala pubblica, a chi nega l'olocausto nel giorno della memoria! Porcata storica e politica che si commenta da sola. Ed ora cosa fanno alcuni sinistroidi? Sdoganano blocco studentesco, perché sono "ragazzi" che possono sempre cambiare idea e bla bla. E certo, i missionari o le missionarie che riescono in ciò in cui non è riuscita madre natura, sono sempre possibili. Ma in questo possibile io non ci sto, e non ci sta l'antifascismo, quello serio. Quello rispettoso della storia della nostra resistenza, della nostra Costituzione. Rispettoso nei confronti, ad esempio, di sloveni, croati che hanno subito a Gorizia ed in queste zone persecuzioni di ogni tipo. Chi sdogana giovani o vecchi neofascisti, per qualsiasi motivo, è complice delle loro ideologie. Che nausea. mb

Fabio Falorni ha detto...

Questo tipo di differenze fa capire molte cose compreso l'isolamento che stanno facendo le altre province nei riguardi di Gorizia.
Male voluto...